Visto il freddo di questi giorni parlare di deserti può aiutare magari a scaldarsi un pò.

La visione dal vivo di un deserto è uno spettacolo eccezionale che lascia senza parole (chi ha avuto la fortuna di vederne uno può confermare). Malauguratamente la maggior parte di noi ne ha visto uno solo al Cinema, in Tv, in Foto, su Internet.

Nel mondo ne esistono svariati e numerosi, ma ce ne sono 4 che vanno assolutamente visitati prima o poi.

  • Sahara

Non ha certo bisogno di presentazioni, è il deserto più famoso e più esteso del pianeta; difatti con gli oltre 9 milioni di metri quadrati di superficie si espande per i territori di Mauritania, Mali, Niger, Libia, Ciad, Egitto e Sudan da ben 2.500 milioni di anni.

Dal 2001 si svolge al nord di Mali il Festival del Deserto, nato per popolarizzare la tradizionale musica Tuareg.

@ alex lichtenberger

  • Uluru

Situato nel cuore selvaggio dell’Australia il nome a molti non dirà nulla ma è impossibile non aver visto mai uno dei simboli del continente oceanico.

Il deserto rosso australiano si vanta di avere uno dei più sorprendenti tramonti al mondo. Il luogo più indicato per godere dello spettacolo è la roccia Uluru, sacra per gli aborigeni Anangu residenti nella zona da ben 22.000 anni e conosciuta al di fuori dell’Australia con il nome di Ayers Rock.


@ ernieski

  • Atacama

Situato nella zona settentrionale del Cile è noto ai più come il luogo dove sono rimasti sepolti i 33 minatori cileni è considerato il deserto più arido e secco del pianeta, per questo ricco di minerali. Il deserto Cileno si estende fino all’oceano dove forma la Cordigliera della Costa.

@ Tommy’s Flickr site

  • Gobi

Situato tra il Nord della Cina e il Sud della Mongolia è uno dei deserti più estesi sul pianeta.

Negli anni ’20 l’esploratore americano Roy Chapman Andrews riportò alla luce numerosi resti di dinosauri (oltre 100 esemplari).

Forse non a caso questo deserto è conosciuto per la sua straordinaria fauna: Gazzella dalla coda nera, Leopardo delle nevi, Aquila Dorata sono alcune delle specie che popolano questa zona oltre al Topo Canguro, straordinaria scoperta di 3 anni fa da parte della Zoological Society of London.

La parte cinese era uno dei luoghi di transito dell’antica Via della Seta ed è anche il luogo dove termina la Grande Muraglia Cinese.

@ Chris & Lara Pawluk

 

Annunci
commenti
  1. […] Dichiarate patrimonio dell’umanità UNESCO nel 2005, Humberstone era in origine una vivace raffineria di salnitro (Nitrato di Potassio) nel bel mezzo del deserto di Atacama. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...