Archivio per la categoria ‘Arte’

Frugando in casa avete trovato qualche nostalgica vecchia foto di famiglia?

Perchè invece di riporla di nuovo nel cassetto non la rimodernizzate un pò? Come? Attraverso il fotoblog Dear Photograph.

Sull’idea alla base dello Sleeveface, di cui avevo parlato in questo vecchio post, anche in Dear Photograph gli utenti sovrappongono le foto d’epoca a quello che rimane degli scenari in cui queste sono state scattate.

Di seguito qualche esempio giusto per rendere meglio l’idea.

maryn0503

LaSardina

Miss Sydney Marie

Interessante, vero!?

Nel caso vogliate dare uno sguardo alla gallery completa basta visitare il fotoblog all’indirizzo DearPhotograph[punto]com.

Lavami!

Pubblicato: 26 novembre 2010 in Arte, Curiosità
Tag:, , , ,

Alzi la mano chi da ragazzino non ha mai griffato i vetri delle auto sporche e impolverate con la famosa parola, “Lavami!

Probabilmente Scott Wade, artista texano, ha iniziato allo stesso modo ma ai giorni nostri ha deciso di andare ben oltre il semplice “Wash me”.

Difatti Wade, esponente di punta della Dirty Car Art (arte delle auto sporche), utilizza i lunotti posteriori delle auto impolverate come vere e proprie tele per realizzare i suoi capolavori.

Guardare per credere!

@ Laughing Squid

@ charles210

@ dobre-stvari

Per la galleria completa di queste “sporche opere” si può visitare il sito ufficiale dell’artista www [punto] dirtycarart [punto] com

C46, C60, C70, C90, C120…queste sigle vi dicono qualcosa?

Probabilmente chi era ragazzo negli anni 60, 70, 80 sa di cosa sto parlando. Si tratta delle sigle con cui venivano indicate i vari tipi di “Audiocassette”.

La Music Cassetta venne introdotta sul mercato nel 1963 dalla Philips e raggiunse il suo boom di vendite ed utilizzo nella decade dell’80; purtroppo per loro l’avvento di CD prima ed Mp3 poi, hanno segnato pian piano la loro fine.

Sicuramente in tanti ne hanno almeno una dimenticata in qualche cassetto……che farne ora che sono definitivamente fuori commercio?

Un’artista statunitense, Erika Iris Simmons in arte Iri5, ha trovato un modo per “riutilizzarle” decisamente curioso e divertente.

Srotolando completamente il nastro, l’artista crea un groviglio nero da cui poi realizza i volti di alcuni mostri sacri della musica del passato, che proprio grazie alle Music Casette (oltre ai dischi di vinile) devono il loro enorme successo. Santana, Bob Marley, Jim Morrison, The Beatles, Kurt Cobain, solo per fare alcuni nomi.

Guardare per credere alcuni esempi 😉

– Bob Dylan

@ SOCIALisBETTER

– Robert Smith dei Cure

@ SOCIALisBETTER

Vi consiglio vivamente di dare uno sguardo alle gallerie complete sulla pagina ufficiale dell’artista (qui) o sulla sua pagina Flickr (qui).

Impressionanti, no!?!

Trovato qui: Focus.it

Già da qualche tempo ormai spopola su Internet lo Sleeveface.

Cos’è?

Lo Sleeveface è un passatempo decisamente fantasioso, divertente e soprattutto a costo zero.

Consiste nel sostituire all’interno di una foto una parte del proprio corpo (solitamente il viso) con una copertina di un disco creando così un’illusione ottica.

Migliaia e migliaia le foto già scattate e presenti su internet, alcune con risultati davvero sorprendenti.

Ecco alcuni esempi:

@ Gonzalo Fernández

@ mauren veras

@ Mercedes.. Life as I Pictured

@ kiz ♥

@ Husky

Per ammirare altri scatti in rete basta iscriversi all’ormai immancabile gruppo di Facebook o per chi usasse Flickr, altri gruppi si possono trovare qui, qui e qui.

Dopo l’acquisizione della chiocciolina (@) da parte del Momà di New York, un altro simbolo dell’era digitale o meglio i prodotti di un simbolo dell’era digitale, vengono acquisiti da un museo di arte contemporanea newyorkino.

Al Guggenheim di New York è nata la prima biennale di video creativi griffata Youtube.

YoutubePlay, così il nome del “concorso”, nasce dalla collaborazione proprio tra Youtube e il museo della grande mela. Grazie a questo contest nell’arco di un anno sono stati raccolti oltre ventimila video provenienti da 90 paesi differenti.

Un vero e proprio Melting Pot digitale da cui sono stati selezionati dalla giuria le venticinque “opere” vincitrici che sono state proiettate sulle pareti del museo dal 22 al 24 ottobre.

Di seguito qualche video tra i miei preferiti presenti alla biennale. Se vi va di guardare i 25 finalisti o gli altri video in concorso, li potete trovare qui.

Buona visione!